Photo Roma
Links   E-mail  
Search


Search for... (in italian)


City


Photos
   Anagni
   Arezzo
   Assisi
   Avila
   Bologna
   Bolzano
   Bomarzo
   Brescia
   Bressanone
   Cadice
   Cordova
   Cremona
   Desenzano Garda
   El Escorial
   Ferrara
   Figline Valdarno
   Firenze
   Fossanova
   Genova
   Granada
   Lucca
   Madrid
   Mancia
   Mantova
   Milano
   Modena
   Ortisei
   Orvieto
   Padova
   Parma
   Perugia
   Piacenza
   Pisa
   Pompei
   Ravenna
   Reggio Emilia
   Roma
   Salamanca
   San Gimignano
   San Giovanni Vd
   Sansepolcro
   Segovia
   Siena
   Siviglia
   Spoleto
   Toledo
   Trento
   Treviso
   Trieste
   Udine
   Valladolid
   Valle de los caidos
   Venezia
   Verona
   Vicenza
   Vienna


Extras
   Madonnelle romane
   Ponti romani
   Statue parlanti

   Glossario
   Storia di Roma
   Il Rinascimento


199 - Viale Carlo Felice
La strada che unisce le Basiliche di S. Croce in Gerusalemme e S. Giovanni in Laterano

To download the photo click on the image with the right mouse button and select "Save image as..." from the menu.

Back
 
rm_199.jpg [184222 bytes]

 


Da Porta Maggiore a San Giovanni
 
PORTA MAGGIORE
La via Giolitti sbocca sulla piazza di Porta Maggiore importante nodo del traffico cittadino. Di fronte le due grandi arcate di Porta Maggiore o Porta prenestina, eretta nel 52 dall’imperatore Claudio a sostegno dei condotti dell’Acqua Claudia e dell’Anio Novus, che passano nell’altissimo attico. Gli acquedotti furono restaurati da Vespasiano e da Tito (81); le arcate furono incorporate come doppia porta (per le due strade consolari Prenestina e Labicana oltre che Casilina) nella cinta delle mura Aureliane e più tardi (405) restaurate da Onorio. L’iscrizione a caratteri monumentali dell’attico ricorda Claudio, Vespasiano e Tito. Sul piazzale esterno, il bizzarro sepolcro di M. Virgilio Eurisace (panettiere e fornitore dello stato, come dice l’iscrizione) e di sua moglie Atinia vissuti alla fine della repubblica. Il tumulo in travertino è ornato da bocche di forno e da un fregio rappresentante la lavorazione del pane. A sinistra del piazzale si diparte la via Prenestina scavalcata dal viadotto della ferrovia. Al numero 7 si trova l’ingresso della Basilica di Porta Maggiore, del I secolo dell’impero, appartenente ad una setta mistica, forse i neopitagorici. E’ un santuario sotterraneo scoperto (1916) perfettamente conservato alla profondità di 14 metri dai binari, costruito in calcestruzzo a forma di basilica divisa da 6 pilastri in 3 navate; è preceduta da un piccolo atrio e termina con un abside. Le pareti e le volte sono ricoperte da finissimi stucchi, prodotto di un arte in piena fioritura, che ricordano quelli della casa della Farnesina, e nell’insieme la decorazione delle tombe di via Latina. I soggetti rappresentati sono militi greci, santuari agresti. Notevoli le somiglianze tra l’architettura e le decorazioni di questa basilica con quelle cristiane primitive; osservare specialmente le figure di oranti sulle pareti ed il quadro del catino dell’abside, rappresentante secondo alcuni il mito di Venere e Adone, secondo altri quello di Saff...

 
Continua...