Photo Roma
Links   E-mail  
Search


Search for... (in italian)


City


Photos
   Anagni
   Arezzo
   Assisi
   Avila
   Bologna
   Bolzano
   Bomarzo
   Brescia
   Bressanone
   Cadice
   Cordova
   Cremona
   Desenzano Garda
   El Escorial
   Ferrara
   Figline Valdarno
   Firenze
   Fossanova
   Genova
   Granada
   Lucca
   Madrid
   Mancia
   Mantova
   Milano
   Modena
   Ortisei
   Orvieto
   Padova
   Parma
   Perugia
   Piacenza
   Pisa
   Pompei
   Ravenna
   Reggio Emilia
   Roma
   Salamanca
   San Gimignano
   San Giovanni Vd
   Sansepolcro
   Segovia
   Siena
   Siviglia
   Spoleto
   Toledo
   Trento
   Treviso
   Trieste
   Udine
   Valladolid
   Valle de los caidos
   Venezia
   Verona
   Vicenza
   Vienna


Extras
   Madonnelle romane
   Ponti romani
   Statue parlanti

   Glossario
   Storia di Roma
   Il Rinascimento


274 - Il Colosseo
Veduta notturna

To download the photo click on the image with the right mouse button and select "Save image as..." from the menu.

Back
 
rm_274.jpg [227799 bytes]

 


Colosseo
 
Nel piazzale del Colosseo, affondato nelle pendici della Velia ad Ovest, dell’Esquilino (Colle Oppio) a Nord e del Celio a Sud. Nel mezzo, di fronte allo sbocco di via dei Fori imperiali, si leva maestoso nella sua gran mole ellittica, a più ordini di arcate, l’Anfiteatro Flavio, detto comunemente fin dall’alto medioevo, il Colosseo, o per la vicinanza con il Colosso neroniano (Domus Aurea) o per le sue dimensioni colossali, e considerato il simbolo dell’eternità di Roma.
Fu iniziata la costruzione nel 72 da Vespasiano nel luogo dello stagnum o laghetto della Domus Aurea, e terminato dal figlio Tito della famiglia Flavia (donde il nome di Anfiteatro Flavio) nell’80, inaugurato con feste che si dice durassero 100 giorni, con l’uccisione di molti gladiatori e di 5000 belve. Vi si diedero combattimenti di gladiatori, venationes o cacce di bestie feroci e naumachie. Fu restaurato sotto Alessandro Severo, per essere stato danneggiato dai fulmini nel 217; nel 249, millesimo della fondazione di Roma, vi si celebrarono feste solenni nelle quali tra gli altri spettacoli, si ebbe una battaglia di mille coppie di gladiatori e vennero uccisi 32 elefanti, 10 alci, 10 tigri, 60 leoni addomesticati, 30 leopardi addomesticati, 10 iene, 10 giraffe, 20 asini selvaggi, 40 cavalli selvaggi, 10 zebre, 6 ippopotami. I combattimenti di gladiatori vi durarono fino al 405, quando furono soppressi da Onorio (forse dopo il sacrificio del monaco Telemaco che, cacciatosi ardimentosamente nell’arena per impedirli, fu ucciso dalla folla); quelli tra belve fino alla metà del VI secolo. Un terremoto lesionò nel 442 l’edificio che venne restaurato, pare, da Teodosio II e da Valentiniano III. Danneggiato da altri terremoti nel 1231 e 1255, fu trasformato in parte in fortezza dai Frangipani e passò poi agli Annibaldi. Nel 1312 l’imperatore Federico VII lo diede al Senato e al popolo romano.
Fin dal medioevo i massi caduti servirono per le nuove costruzioni romane, ma dal XV secolo l’anfiteatro d...

 
Continua...